KARA GÜNEŞ (Turchia) | Lunedì 27 Ottobre

karagunesI “Kara Güneş” sono uno dei gruppi più apprezzati e conosciuti della scena underground e radicale di Istanbul e della Turchia. Il progetto si è andato formando dalla fine degli anni ’90 ad Ankara, dove i fratelli Yalçın (originari di Antalya, nel sud della Turchia) si erano trasferiti. Ma è con il passaggio a Istanbul, nel 2004, che la band acquista quelle caratteristiche che l’hanno resa popolare. Innanzi tutto, il repertorio raccolto e affinato in anni di viaggi nella Turchia rurale (a cominciare dall’antica tradizione degli Aşık, sorta di musicisti-viandanti) viene a fondersi con elementi cosmopoliti creando quella miscela inconfondibile del gruppo. Negli ultimi anni il lavoro del gruppo si e’ intrecciato al percorso di altri musicisti incontrati nella cosmopolita Istanbul, dando vita a un esperimento unico il cui suono di oggi è testimonianza.

I COMPONENTI del “Tra barbarie e Rivoluzione” tour.

Mübin Dünen, voce, ney e santur (salterio).
Mehmet Mert Baycan, percussioni (cajon, bendir, def, darabuka) e voce.
Üner Demir, violino e voce.
Ceyhun Soso Kaya, clarinetto, sax soprano, tromba e voce.
Michelangelo Severgnini, contrabbasso e voce.
Özgür Yalçın, chitarra 12 corde e voce.

Inizio concerto ore 21.00. Ingresso gratuito.

“DARE-DARE” | Pittura su tela e su vetro di Marie Helene Fabra

daredare“…….A settembre dell’anno scorso ho partecipato ad una formazione per lavorare il vetro alla scuola Abate Zanetti. Ogni giorno prendevo il vaporetto a Madonna dell’Orto e guardavo l’acqua, il cielo, gli aerei che atterravano, la sagoma dell’isola dei morti, le facciate rosse delle case. Ogni giorno mi dicevo che ero circondata dalla bellezza.
Una domenica mattina sono uscita a comprare il pane. La panetteria era chiusa. Sono passata davanti al ´Paradiso perduto’. Ho domandato dove potevo trovare una panetteria aperta. Maurizio, il proprietario del ristorante, mi ha dato un grosso pezzo di pane. C’era il sole. Abbiamo parlato seduti fuori davanti a un caffé. Gli ho detto che sono pittrice, che abito a Parigi e che stavo seguendo dei corsi a Murano.Lui mi ha risposto che se il mio lavoro gli piaceva, avrebbe potuto esporre i miei quadri. Gli ho mostrato un piccolo personaggio di vetro appena uscito dal forno. Ha detto d’accordo.
A Parigi ho pensato che avrei potuto presentare anche qualche tela, per dare un po’ di colore. Allora ho scelto dei piccoli quadri che si ispirano al Carnevale di James Ensor”.
In francese dare-dare vuol dire che bisogna sbrigarsi. É un’espressione un po’ desueta che usava mio nonno e siccome non capivo bene cosa volesse dire, credevo che fosse un mostro che si arrabbiava quando i bambini non obbedivano velocemente. Da allora è passato del tempo. É da tanto che Dare-dare non mi fa piú correre urlando di paura e di eccitazione nel giardino dei miei nonni. Immaginavo che Dare-dare vivesse in un lago le cui acque venivano a rinfrangersi ai piedi della scalinata del giardino e che m’impedivano di avvicinarlo da sola “perché l’acqua é pericolosa per i bambini piccoli”. Per forza qui a Venezia mi é ritornato in mente.

I personaggi in vetro e quelli dipinti sono tutti degli ibridi, un po’ di acqua, un po’ di fuoco, un po’ morti, un po’ vivi: assomigliano tutti a Dare-dare.

Inaugurazione venerdì 24 ottobre ore 18.00.

METRO BROUSSE | Lun. 6 Ottobre

metrobrusseIl progetto nasce dall’incontro di musicisti accomunati dall’amore per le sonorità folk tradizionali e desiderosi di sperimentazione. Nell’intento di dare vita a un suono nuovo e originale, si è voluto affiancare ai ritmi e alle melodie del Popolo Mandeng, alcuni canti e suoni della tradizione rurale di tutta Italia. Questo progetto musicale predilige una dimensione acustica dove la forte presenza ritmica e timbrica africana fa da terreno a innesti melodici inconsueti. Il risultato è un sound colorato, coinvolgente e quasi ipnotico che trae energia dall’incontro di due culture tradizionali. Anche con il desiderio di parlare di Incontro interculturale con il linguaggio diretto e schietto della musica. Metro Brousse Camilla Barbarito, voce Carla Colombo, Balafon, Carignan, Ngoni Seydou Dao, djembè Baba Diarra, Balafon, Ngoni, Kalebasse Nabil Hamai, violino, darbuka Ivan Rosas, basso elettrico Inizio concerto ore 21.00. Ingresso gratuito

DIXIE FUNK PARADE | Lun. 29 settembre

diexie funk parafeMusica dal tipico sound stile New Orleans. I sei componenti creano una musica che abbraccia il dixie Jazz della tradizione con i ritmi in stile second line il ritmo più funky sul pianeta. L’unico consiglio quando verrete ad ascoltare questa band al Paradiso Perduto… portatevi le scarpe da ballo!!!

Pierluigi Volpini – Tromba
Antonio Ferro – Trombone
Danilo Scaggiante – Sax e Percussioni
Francesco Lobina – Basso
Giampiero Zardo – batteria
Claudio Bon – chitarra

Inizio Concerto ore 21.00. Ingresso gratuito con servizio bar e ristorante,

INDUO BAND | Lun. 22 Settembre

induobandInDuo Band non nasce con lo scopo di proporre un repertorio di brani originali; la sua intenzione è invece quella di far ascoltare della musica, frutto di una selezione molto ben curata che racconta la storia del blues, le origini, le contaminazioni e, perché no, fa anche qualche accenno al rock. Una miz di ritmo, virtuosismo e passione che permette ai musicisti di sperimentare arrangiamenti e sonorità insolite per il genere e soprattutto di mettere in risalto l’affinità e l’intesa, che si sono create dopo anni di concerti ed esperienze condivise, fino a diventare il punto di forza della musica di INDUO. Componenti: Andrea Faidutti – chitarra e voce; Giuseppe Calcagno – chitarra e voce; Fabio Arcifa – cajon e voce; Martino Isola – contrabbasso; Filippo Orefice – sax tenore, clarinetto, flauto traverso.
Inizio concerto ore 21.00. Ingresso gratuito.

BLUNETTE SISTERS & THE SEAMEN ORCHESTRA | Lunedì 15 settembre

brunette_seamen_007Dalla Danimarca il gruppo swing-teatro-jazz: “Bluenette Sisters”

Maria Solà: Lucy – la miglior suonatrice di macchina da scrivere e Ukelele
Lisa Skjøth Madsen: Sandra – splendida e dolce cantante 
Emanuele Fiandri: Luigi – Il colosso italiano del clarinetto e del banjo
Jonathan Aardestrup: Johnny Thor – “IL” contrabbassista
Jacob Overgaard: Popeye – il rythm boy alla batteria
Mads Jakob Bendsen: Jesus Madsen – le mani d’oro del piano

Spingetevi in un viaggio musicale e lasciatevi sedurre dall’oscillante e dolce canto delle Bluenette Sisters accompagnate dalla Seamen Orchestra!

Inizio concerto ore 21.00. Ingresso gratuito.

KORA JUNGLE JAZZ | DOMENICA 7 SETTEMBRE

korajunglejazzIl duo KoraJungleJazz mescola la musica tradizionale dell’Africa sub-sahariana con la più moderna world music. Le melodie della Kora, l’arpa africana a 21 corde, assieme a una chitarra classica trasporteranno gli ascoltatori in un piacevole viaggio mentale.
Jiri Bouda – Kora
Pavel Smid –  chitarra
http://www.korajunglejazz.cz

Inizio concerto ore 20.30. Ingresso gratuito.

MAURIZIO PRESIDENTE! live in concert | Lunedì 8 settembre

Maurizio Presidente ! - Logo no BG“Maurizio Presidente!” è un gruppo nato a Berlino in seguito all’incontro di 6 musicisti di strada  venuti da diversi angoli d’Europa.
La musica dei “Maurizio Presidente!! è un abile incrocio di stili (Swing, Afrobeat, Chanson Francese, Reggae), arricchito dalla multiculturalità dei componenti.

I membri del gruppo:

Christophine Huet (FR) – Canto, Ukulele
Pier Paolo Bertoli (IT) – Fisarmonica
Orpheas Tziagidis (GR) – Saxofono Tenore
Sylvain Bouysset (FR) – Basso Acustico Fretless
Davide Provenzano (IT) – Tromba, Canto
Samuel Neyhousser (BE) – Percussioni, Canto

Inizio concerto ore 21.00. Ingresso gratuito.

LAUTARI QUINTET | Lunedì 25 agosto

Lautari quintet 25 agostoUn musicista greco con il suo bouzuki, un friulano con la sua amata fisarmonica cromatica, un percussionista rumeno e le sue calde sonorità, un iraniano con i particolari e bellissimi strumenti della tradizione persiana, un veneto di origini pugliesi ai fiati e altro: questa è la formazione di “Musiche dal Mediterraneo & Balcani” nata in Veneto nel 2013 che riunisce musicisti con varie esperienze di musiche tradizionali e jazz, in un caleidoscopio di suoni e culture che si sfiorano e a volte si intrecciano tra loro…

CLAUDIU ALEXANDRU RIZA (Romania) batteria, cajon
PANAGIOTIS PATERITSAS (Grecia) bouzuki, chitarra, voce
PAOLO FORTE (Italia) fisarmonica cromatica
FUAD AMADHVAND (Iran) santur, daf
RENATO TAPINO (Italia) clarinetto, fiati etnici, voce

Inizio concerto ore 21.00. Ingresso gratuito

T – BOX| Lunedì 18 agosto h. 21.00 | Roots Music

tboxRiprendono dopo la sosta di luglio, gli appuntamenti, presso il Paradiso Perduto di Venezia, legati al folk e alla world music. Lunedì 18 agosto è il turno dei T-Box.

Inedita, quanto inusuale, la collaborazione tra il song-writer siciliano Marco Corrao e l’ecletticoarmonicista e cantante veneto Riccardo Grosso nel progetto T-Box. La musica – all’interno della scatola T – è fortemente influenzata dalle esperienze d’oltre oceano di Grosso e Corrao, protagonisti negli ultimi anni di collaborazioni e tour in Europa e USA. Il mix di conoscenza musicale e di gusti, dà vita ad una musica coinvolgente che attinge dalla Roots Music, dal Funky, dal Jazz e dal Blues rendendo ogni concerto un momento unico imperniato su groove, songwriting di altissima qualità e padronanza di improvvisazione sbalorditive. A queste importanti quanto coinvolgenti fondamenta vanno aggiunte due voci tanto diverse, quanto ipnotiche, una chitarra dotata di accordature aperte e magnetismo e un’armonica piena e in continuo, ma rispettoso, fermento. T-Box.

Inizio concerto ore 21.00. Ingresso gratuito

CICCHETTI DI TEATRO – “aspettando qualcosa…”

cicchetti di teatroVenerdì 4 luglio il Paradiso Perduto è lieto di ospitare lo spettacolo di teatro  “Cicchetti di teatro – “aspettando qualcosa…” proposto della compagnia “Gesti per niente” con: Silvia De Bastiani, Michele Guidi, Lucia Messina, Elena Nico, Margherita Piccin, Alessandra Quattrini.

Lo Spettacolo: Un’osteria, un palcoscenico. Il gioco consiste proprio nel rompere la linea di confine tra questi due luoghi: Mentre gli avventori del locale si godono l’aperitivo, aspettandosi che lo spettacolo inizi sul “palco”, si troveranno invece immersi nello spettacolo stesso. La sala e i tavoli dell’osteria si animeranno di sketch divertenti, al punto che ogni persona del pubblico si chiederà se quello a fianco a lui è un cliente o un attore, e se chi lo sta servendo è davvero un cameriere. Tutti (pubblico, attori e staff) saranno coinvolti nell’attesa di uno spettacolo, che viene continuamente annunciato e che, quando proverà a materializzarsi sul palco, sarà sempre sviato da un nuovo imprevisto.

Inizio spettacolo ore 21.30. Ingresso gratuito.

LAUTARI QUINTET | Musiche dal Mediterraneo e dei Balcani | Lunedì 30/06

lautariUn musicista greco con il suo bouzuki, un friulano con la sua amata fisarmonica cromatica, un percussionista rumeno e le sue calde sonorità, un iraniano con i particolari e bellissimi strumenti della tradizione persiana, un veneto di origini pugliesi ai fiati e altro: questa è la formazione di “Musiche dal Mediterraneo & Balcani” nata in Veneto nel 2013 che riunisce musicisti con varie esperienze di musiche tradizionali e jazz, in un caleidoscopio di suoni e culture che si sfiorano e a volte si intrecciano tra loro…

CLAUDIU ALEXANDRU RIZA (Romania) batteria, cajon
PANAGIOTIS PATERITSAS (Grecia) bouzuki, chitarra, voce
PAOLO FORTE (Italia) fisarmonica cromatica
FUAD AMADHVAND (Iran) santur, daf
RENATO TAPINO (Italia) clarinetto, fiati etnici, voce

Inizio concerto ore 21.00. Ingresso gratuito

COSA POLSKA | 23 Giugno

casa polskaCosa Polska è il prodotto di una fusione culturale tipica delle grandi città europee come Berlino piuttosto che Parigi. La band ungherese riunisce musicisti dei Carpazi, della Francia e dei Paesi Baschi, proponendo un sound unico ispirato dalla musica balcanica, dal klezmer e sostenuto dalla ritmica tipica del flamenco. I loro concerti sono un viaggio linguistico e musicale che abbraccia diverse culture facendo ballare chiunque assista ai loro concerti.

Componenti:
Carlos Sanz Blesa – chitarra, voce
Grénus Tímea – clarinetto
Jakab Máté – batteria
Nagy Judit – percussioni
Robert Dakowicz – accordion, voce
Rontó Lili – violino
Szemző Dávid – basso, voce
Valentin Desmarmites – sax

Inizio concerto ore 21.00. Ingresso gratuito

MOSTRA DI PITTURE DI FRANCESCO SECHI

Francesco SechiIl Paradiso Perduto è lieto di presentare la mostra di pitture di Francesco Sechi. Inaugurazione Domenica 15 Giugno ore 18.00

La serie di quadri che Francesco Sechi presenta in questa mostra nasce dal desiderio di riannodare i fili della storia del proprio vissuto, e della propria arte, in un ambiente propizio, uno scrigno magico a dispetto del tempo, una Venezia dentro Venezia stessa che è il Paradiso Perduto.

Francesco è un pittore in costante movimento, prima da studente dell’Accademia di Belle Arti attraverso l’Adriatico, poi verso la Germania dove ha deciso di costruire il mondo dei suoi affetti e di lavoro. E’ un esploratore di molteplici modalità espressive, pittura, grafica, Abdruck, arte ambientale… da sempre affascinato dalla mutevolezza delle forme, dei colori e delle possibilità inseguendo in questo suo modo di operare ciò che la natura lagunare suggerisce ad ogni persona dotata di spirito esplorativo: nulla è stabile e finito, tutto è connesso a tutto e “no sta mai fermo!”.

Compito alquanto arduo dipingere le cose che si muovono. Ci vuole una buona dose di azzardo ma sopratutto essere veloci per sorprendere le immagini quando meno se l’aspettano. Salire sopra la città su un pallone aerostatico, diventare un gabbiano, planare sopra la laguna in un sogno di artista e poeta come Jacopo de’ Barbari, insuperabile vedutista aereo, o come ignoti scalpellini artefici delle metope-isole all’Arsenale di Venezia. Ci vuole davvero un sogno d’amore che da Stoccarda raggiunge Venezia e le sue isole facendole diventare piccole gemme di poesia nella forma e nel colore.
La particolarità dell’arte di Francesco Sechi consiste però anche in un altro dato apparentemente dissonante. Una certa tendenza espressionista già latente durante gli studi veneziani è andata rafforzandosi negli anni dell’Accademia di Stoccarda. Una composizione incisiva assieme alla preferenza per un’inquadratura dinamica del soggetto sono senz’altro frutti di quelle “interferenze” tra il “mondo germanico” e quello veneto di cui Albrecht Durer fu il maestro di primissimo livello. Non è con la “durezza” che Francesco dipinge le isole veneziane, ma con la morbidezza cromatica che trasfigura le “cattedrali” del Nord.

sergej glinkov
Trieste, maggio 2014

ORCHESTRA CUMBIA MELA | Lunedì 16 Giugno

cumbiamelaIl gruppo si forma dall’incontro di musicisti circensi e non, che, uniti dall’esperienza dell’arte di strada, decidono di dare vita ad una band che propone un repertorio di Cumbia y Porros con mucho sabor latino-americano.

Sara “Cholita” Pani Sanchez de Montalban Voce, Maracon
Francesco “Paquito” Giammarella: Clarinetto, Sax tenore
Gianluca “Maestro” Sia Sax soprano
Giacomo Martini Tromba
Giobbe Simon Fisarmonica
Nicolay Trozschij Contrabbasso
Carla Marulo Percussioni

Inizio concerto ore 21.00. Ingresso gratuito

NEMA PROBLEMA ORKESTAR | Lun. 9 Giugno

 

NeMa PrOblMa

I Nema Problema Orkestar sono una Brass Band composta da sette diversi musicisti provenienti dalle più svariate esperienze artistiche accumunati da un progetto di street music che ruota attorno al repertorio dell’est Europa, dalla musica dei Rom e della ex Jugoslavia. Tutto questo senza dimenticare le radici sonore di molti musicisti dei Nema Problema, che si richiamano al jazz e a un repertorio popolare dai confini molto ampi.
I componenti della band sono:
Davide Marzagalli, sax alto
Michele Obizzi, sax tenore
Luca Grazioli, tromba
Edoardo Tomaselli, tromba
Fabio Marconi, chitarra e bombardino
Carlo Coppadoro, susafono
Lucio Sagone, batteria

Inizio concerto ore 21.00. Ingresso Gratuito con servizio ristorante e bar

 

SERATA MILONGA | Sin Pasaporte | Lun. 2 giugno

sin pasaporte“Sin Pasaporte “
Karina Recchimuzzi – voce
Victor Simon – piano
Presentano 

Un percorso composto da un’accurata selezione di brani che affronta le diverse sfumature del Tango e del Folklore Argentino, con alcune incursioni sui classici del Pop-Rock Internazionale.
Perché il Tango non ha nazionalità, appartiene a tutti coloro che lo sentono…

https://soundcloud.com/karinarecchimuzzi/sets/tango

Inizio concerto ore 21.00. Ingresso gratuito

BIG BLUES TRIO| Lunedì 26 maggio | h. 21.00

rgBig Blues Trio, nasce dall’incontro di tre musicisti professionisti legati dall’amore per la musica afroamericana. Il repertorio proposto è una concentrazione di sonorità che partono dal rhythm & blues dei primi anni ’60 di Sonny Boy Williamson fino ad arrivare a Tom Waits, passando per standards del blues e del soul-jazz come Work Song. Il particolare impasto sonoro creato dall’armonica e dall’hammond permette ai tre di avere un sound compatto ed originale.

Riccardo Grosso – voce armonica
Giulio Campagnolo – hammond B3
Diego Stumpo – batteria 
Inizio concerto ore 21.00, ingresso gratuito. 

DIXIE FUNK PARADE | Lunedì 19 maggio

dfpMusica dal tipico sound stile New Orleans. I sei componenti creano una musica che abbraccia il dixie Jazz della tradizione con i ritmi in stile second line il ritmo più funky sul pianeta. L’unico consiglio quando verrete ad ascoltare questa band al Paradiso Perduto… portatevi le scarpe da ballo!!!

Pierluigi Volpini – Tromba
Antonio Ferro – Trombone
Danilo Scaggiante – Sax e Percussioni
Francesco Lobina – Basso
Giampiero Zardo – batteria
Claudio Bon – chitarra

Inizio Concerto ore 21.00. Ingresso gratuito con servizio bar e ristorante.

iPERcusSONICI | Lunedì 12 maggio

ipercussoniciLa loro musica è il frutto di un’appassionante ricerca e sperimentazione nel ricorso alla contaminazione di linguaggi musicali differenti.

Da sempre schierati a sostegno di importanti cause civili, sociali e ambientaliste, il loro singolo Mururoa viene usato nel 2011 da Greenpeace per contribuire alla campagna referendaria contro il ritorno del nucleare in Italia, mentre nel 2012, ospiti sul palco montato davanti al Palazzo di Giustizia di Catania per il ventennale della strage di Capaci, presentano una rivisitazione di Quannu Moru, Faciti ca nun Moru di Rosa Balestrieri, il cui video è dedicato a tutti quelli che continuano a vivere lottando contro le mafie. Poco prima della publicazione del nuovo lavoro “Carapace”, datato Maggio 2013, il Womad Foundation, insieme al St. James Cavalier Arts Center, li invita a Malta per una residenza artistica che ha – tra gli obiettivi raggiunti – la realizzazione di una parata multietnica che coinvolge oltre 250 bambini delle scuole dell’isola e numerosi artisti provenienti da Jamaica, Inghilterra, Zimbabwe, Stati Uniti…e Sicilia. L’invito nasce dal riconoscimento della specificità di un suono, di un’attività didattica e formativa, di un attivismo culturale che caratterizzano questi artisti capaci di capire, rispettare ed integrare diversi linguaggi, utilizzando la musica come ponte fra le culture.

IPERCUSSONICI sono: Alice Ferrara – Voce, cori e dum dum; Carlo Condarelli – Dum dum, sangban, rullante, campane, piatti, djembe, balafon cori; Luca Recupero – Marranzani, effetti, tamburelli, cori, kraakbox, ‘mbira e basso; Marcello Ballardini – Didjeridoo; Michele Musarra – Basso elettrico, Crumar, Baritono & Sitar e cori

Inizio concerto ore 21. Ingresso gratuito.

MINIMAL KLEZMER |Lunedì 5 maggio

Minimal-Klezmer-TrioI Minimal Klezmer nascono nel 2011 dall’incontro di tre musicisti accomunati dalla musica classica contemporanea, una consistente inclinazione verso l’improvvisazione ed una fatale passione per il klezmer.
FRANCESCO SOCAL clarinetti & voce
ROBERTO DURANTE melodica, piano, percussioni
MARTIN TESHOME cello
 
Inizio concerto ore 21.00. Ingresso gratuito con servizio bar e ristorante.

EYM TRIO | Lunedì 28 aprile

eymtrioIL PARADISO PERDUTO 
presenta
EYM – “Genesi”
Il trio francese composto da Elie Dufour al pianoforte, Marc Michel alla batteria e Yann Phayphet al contrabbasso, fonde le melodie della musica tradizionale dell’Est Europa al jazz standard dei grandi quali: Duke Ellington , Chick Corea , Michel Petrucciani e il jazz più moderno come E.S.T, Avishaï Cohen e Joshua Redman.

Ingresso gratuito con servizio bar e ristorante.

ilparadisoperduto.wordpress.com
www.eymtrio.com

MAXMABER ORKESTAR | Venerdì 25 aprile

MaxmaberMaxmaber Orkestar inizia il suo viaggio a Trieste, città che da sempre rappresenta un luogo di scambio e di contaminazione tra genti e culture diverse, punto di congiunzione tra le culture latina, slava e germanica e porta naturale tra Est e Ovest europei. Voci, fisarmonica, sax soprano e contralto, chitarre, batteria e basso acustico, per trascinare gli ascoltatori in un viaggio attraverso la tradizione popolare dell’Europa orientale e del Mediterraneo. Klezmer, musica rom e dei Balcani, vecchie canzoni italiane e un pizzico di jazz si intrecciano in un sound allegro e malinconico allo stesso tempo. Un percorso musicale che confluisce naturalmente nei brani originali, spesso in dialetto triestino. In un mondo dominato dalla musica iterativa e standardizzata del pop rock commerciale, dei 4/4 scanditi con monotonia, Maxmaber Orkestar vi sedurrà con ritmi avvolgenti e inusuali, melodie arcaiche e danze trascinanti.

Inizio concerto ore 21.00. Ingresso gratuito con servizio bar e ristorante.
Per info e prenotazioni 041 720581. Il Paradiso Perduto è sito in Cannaregio – Fondamenta della Misericordia, 2540.

STANDARD SOCKS | Lunedì 21 aprile

Massaron-300x168L’appuntamento vedrà protagonista il trio “Standard Socks”, composto da Simone Massaron alla chitarra, Giulio Corini al contrabbasso e Nelide Bandello alla batteria. Tre musicisti accomunati dall’amore per la musica libera e per la tradizione, tutti elementi del collettivo El Gallo Rojo.

Inizio concerto ore 21.00. Ingresso gratuito.

EUFORIA GIPSY TRIO | Lunedì 14 aprile

Euforia Gipsy TEuforia Gipsy Trio trae ispirazione da Django Reinhardt, fenomenale chitarrista degli anni‘30 fondatore del genere Jazz Manouche, stile melodico cadenzato in cui trovano la massima espressione gli strumenti a corda, tipiche delle band tzigane. Musica semplice, diretta, energica ed espressiva. Il trio è composto da Simone Biancon  (chitarra), Matteo Striuli (chitarra) e Maurizio Trapani (contrabbasso).

Inizio concerto ore 21.00 (circa). Ingresso gratuito.

SEXY TRIO & CLAUDIA | Domenica 6 aprile

Sexy trio & ClaudiaRepertorio Jazz anni ’30 e Bossa Nova è ciò che propone il quartetto composto da Claudia Graziadei (voce), Ricky Ciarfera (chitarra classica), Alvise Forcellini (chitarra jazz) e Raul Catalano (percussioni). Allievi del conservatorio di Venezia “B. Marcello” si sono ispirati per questa loro prima apparizione ad artisti quali: Duke Ellington, Joe Pass, Django Reinhardt, Billie Holiday.

Inizio concerto ore 12.30 . Ingresso gratuito con servizio bar e ristorante

EMMANUELLE SIGAL ENSEMBLE | Lunedì 7 aprile

Emmanuelle Sigal Ensemble Cover frontPresentazione del loro ultimo cd: “Songs from the underground”.
I membri dell’Ensemble, oltre alla cantautrice Emmanuel Sigal, sono Matthias Pötz e Maurizio Riglione alle chitarre e Maddalena Prinoth alle seconde voci. Ci aspetta uno stile dalle molte sfaccettature, con pezzi gipsy-swing e jazzy, in parte di propria produzione e in parte ispirati a grandi maestri, da Django Reinhard a Tom Waits. Shake your sadness!
Inizio concerto ore 21.00. Ingresso gratuito con servizio bar e ristorante

 

 AFRO SOUND TRIO | Lunedì 31 marzo ore 21.00 | Ingresso gratuito

 

Afro Sound Trio Un feeling irripetibile nella musicalita’ di 3 straordinari artisti che si incontrano e fondono 3 culture:
GUINEA MALI ITALIA
Un afro/jazz/blues ricco e sorprendente che percorre l’Africa sulle tracce del suono ancestrale su cui fonda gran parte della musica     contemporanea
Guglielmo Pagnozzi – Sax alto e Clarinetto
Kalifa Kone – Kamelengonì, Djembè, Tamà
Sourakhata Dioubate – Tamburi bassi, Bolon, Balafon, Voce